Sei qui: Home News Precisazioni su IMU

Precisazioni su IMU

PDF Stampa E-mail

Nell’anno 2012 l’Imposta Comunale sugli Immobili (ICI), introdotta con decreto legislativo del 30 Dicembre 1992, n. 504, viene sostituita dall’Imposta Municipale Propria (IMU). L’entrata derivante da tale tributo costituisce una voce molto importante del bilancio comunale, in quanto, di fatto sostituisce i trasferimenti finanziari dello stato ai comuni.  Quale che fosse il nome, per evitare il Ben Noto Fenomeno dell’evasione fiscale, correggere eventuali errori, verificare un ritardo nei pagamenti e far pagare il giusto dovuto, il legislatore ha previsto, come strumento per garantire maggiore equità del carico fiscale su tutti i cittadini, l’avviso di accertamento. Con detto istituto l’Ente recupera i tributi dovuti.

Tale attività, pena decadenza, deve essere effettuata, “OPE LEGIS” SENZA INTERVENTO ALCUNO DEGLI AMMINISTRATORI, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo alla data dell’omissione, (legge 296/06, art.1 commi dal 161 al 167, contenuto nella finanziaria del 2007).

L’accertamento tributario è pertanto un mero atto di gestione e non di indirizzo politico, restando funzione specifica e autonoma del responsabile dell’ufficio tributi, il quale NON PUO’ SOTTRARSI a tale obbligo, pena sua personale responsabilità economico-patrimoniale, soggetta a controllo da parte del Revisore e della Corte dei Conti.

I cittadini interessati dall’accertamento, hanno tempo 60 giorni per chiedere chiarimenti e mettersi in regola.

I 60 giorni decorrono dalla data della notifica ovvero da quando è stato ricevuto l’avviso e non dalla data, pur riportata sull’atto, in cui il funzionario ha effettuato l’accertamento.

L’ufficio tributi, sito in via Santa Caterina da Siena 2, è a disposizione degli utenti. In quella sede personale qualificato, attento e disponibile fornisce tutti i chiarimenti e le delucidazioni necessarie.

Si fa presente che l’accertamento non riguarda la gran parte dei cittadini MA INTERESSA SOLO CHI NON RISULTA IN REGOLA.

L’Amministrazione che rispetta l’autonoma gestione di qualsivoglia servizio non dovrebbe essere messa alla gogna con strumentali e insipienti dichiarazioni. Al contrario, ne dovrebbe essere testimoniata la corretta attività politico-amministrativa.

Chi fornisce informazioni ALLARMISTICHE e TENDENZIOSE disinforma i cittadini.

 

L’Assessore al Commercio e ai Tributi

Massimo Gravante

 

COOKIES POLICY: Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri o di altri siti. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su leggi. Continuando a navigare nel sito accetti i cookies To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information