Sei qui: Home News AL Palazzo della Cultura si presenta “Sospesa è la notte” di Alberto Diso.

AL Palazzo della Cultura si presenta “Sospesa è la notte” di Alberto Diso.

PDF Stampa E-mail

Venerdì 14 maggio p.v. alle ore 19,30 nella sala conferenze del Palazzo della Cultura in piazza Umberto I, sarà presentato “Sospesa è la notte”, l’ultimo libro di Alberto Diso edito da Carra Editrice di Casarano.
Sospesa è la notte narra la storia di un uomo solo e stanco che si avvia alla fine della propria vita ed ha “nella mente solo un passato malconcio e frastagliato, difficile da ricomporre”.
Il ritrovarsi come d’incanto in un posto sconosciuto, guidato da un’entità che non è di questo mondo, lo porta a vivere un’esperienza ai confini della realtà: egli rivede sul computer i momenti più importanti della sua esistenza e rivive suggestioni sepolte nel suo cuore.

«A quel tempo la concatenazione degli eventi e la loro implacabile successione mi era sconosciuta e così è rimasta per sempre. La fatica della mente a volte distoglie il tempo, lo fa indietreggiare, e il pensiero più buio e profondo riaffiora in tutta la sua grandezza, schiacciandoti, inesorabilmente. In quel momento cerchi una via di fuga che non troverai mai, e quel pensiero ti seguirà… per tutta una vita…».
Così Alberto Diso presenta il suo romanzo, Sospesa è la notte, incastonando nella triade eventi/tempo/mente il nostro ineffabile tentativo di fare ordine nella vita.
Quanto più sembra che ci avviciniamo alla comprensione degli avvenimenti e al dipanamento della matassa tanto più il filo ci sfugge dalle mani e si prepara a tessere un nuovo  straordinario ordito secondo i dettami imperscrutabili del caso. Eppure nel pieno del nostro vigore, fisico e intellettivo, ci siamo tante volte illusi che fossimo proprio noi con le nostre scelte, il nostro impegno, la nostra determinazione a indirizzare il corso della nostra vita, immaginata come un vascello fantasma, che lascia dietro di sé un mare di nequizia, di arretratezze ancestrali, di accondiscendenza nell’accettare un destino già scritto di sopercherie e di sopraffazioni. Questo è in parte il sud descritto dall’autore nel suo libro. E proprio per scappare da questo destino di morte civile già segnato, in una scelta di riscatto individuale prima che sociale che il nostro protagonista abbandonerà, con il proposito di non più tornare, il paesino dei primi rudimenti, delle prime avventure sentimentali, delle prime rivolte contro un conformismo illusorio e perdente.
Alla presentazione dell’opera curata da Daniela Muci, poetessa salentina, prenderanno parte oltre all’autore, il Sindaco di Poggiardo Silvio Astore e il Consigliere Regionale Aurelio Gianfreda.
Alberto Diso (1955) ha formato la sua cultura umanistica nel Salento, in Puglia, dove è nato. Nel corso degli studi universitari, ha collaborato con varie testate giornalistiche ed ha continuato a scrivere anche durante la sua vita lavorativa, vissuta lontano dalla terra natia.
Le interviste degli anni ‘80 a Giulietta Masina, Moraldo Rossi ed altri personaggi del mondo felliniano lo hanno spinto verso una crescente ricerca interiore. I numerosi viaggi di lavoro in vari Paesi del mondo hanno accresciuto la sua sensibilità e affinato la sua capacità di interagire con differenti culture, aprendogli nuovi orizzonti e più ampie prospettive. Da pochi anni è ritornato a vivere nel Salento. Il suo primo romanzo, ”L’ultima estate delle betulle bianche”, pubblicato nel novembre 2007 ha vinto il Premio Speciale della Giuria narrativa edita “Città de La Spezia” edizione 2008; il Premio Medaglia narrativa edita al Premio Letterario internazionale di poesia e narrativa “Città di Cava de’Tirreni” edizione 2008 e il Premio Letterario Nazionale "I Fiumi" 1°classificato sezione narrativa edizione 2009, riservato agli autori associati S.I.A.E.

Poggiardo, 12 maggio 2010
  
   L’addetto alla Comunicazione
     Dott. Pasquale De Santis

 

COOKIES POLICY: Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, propri o di altri siti. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su leggi. Continuando a navigare nel sito accetti i cookies To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information